QUELLI DELLA VIA
  Il portale di chi Ć alla ricerca di Veritł 

 





MARIA

Donna dei nostri giorni

Maria, donna senza retorica

di Don Tonino Bello

Lo so bene: non Ć unŇinvocazione da mettere nelle litanie lauretane. Ma se dovessimo riformulare le nostre preghiere a Maria in termini piŁ umani il primo appellativo da darle dovrebbe essere questo: donna senza retorica.

Donna vera, prima di tutto. Come Antonella, la ragazza di Beppe, che ancora non puś sposarsi perchÄ disoccupata e anche lui Ć senza lavoro. Come Angela, la parrucchiera della cittł vecchia che vive felice con suo marito. Come Isabella, la vedova di Leo che il mese scorso Ć morto in un naufragio lasciandola con tre figli sulle spalle. Come Rosanna, la suora stimmatina che lavora tra i tossicodipendenti della Casa di accoglienza di Ruvo.

Donna vera, perchÄ acqua e sapone. PerchÄ senza trucchi spirituali. PerchÄ, pur benedetta tra tutte le donne, passerebbe irriconoscibile in mezzo a loro se non fosse per quell'abbigliamento che Dio ha voluto confezionarle su misura: ăvestita di sole e coronata di stelle╚.

Donna vera, ma, soprattutto, donna di poche parole. Non perchÄ timida, come Rossella che tace sempre per paura di sbagliare. Non perchÄ irresoluta, come Daniela che si arrende sistematicamente ai soprusi del marito, al punto che tronca ogni discussione dandogli sempre ragione. Non perchÄ arida di sentimenti o incapace di esprimerli, come Lella, che pure di sentimenti ne ha da vendere, ma non sa mai da dove cominciare e rimane sempre zitta.

Donna di poche parole, perchÄ, afferrata dalla Parola, ne ha cosô vissuta la lancinante essenzialitł, da saper distinguere senza molta fatica il genuino tra mille surrogati, il panno forte nella sporta degli straccivendoli, la voce autentica in una libreria di apocrifi, il quadro d'autore nel cumulo delle contraffazioni.

Nessun linguaggio umano deve essere stato cosô pregnante come quello di Maria. Fatto di monosillabi, veloci come un "sô". O di sussurri, brevi come un fiat. O di abbandoni, totali come un amen. O di riverberi biblici, ricuciti dal filo di una sapienza antica, alimentata da fecondi silenzi.

Icona dell'antiretorica, non posa per nessuno. Neppure per il suo Dio. Tanto meno per i predicatori, che l'hanno spesso usata per gli sfoghi della loro prolissitł.

Proprio perchÄ in lei non c'Ć nulla di declamatorio, ma tutto Ć preghiera, vogliamo farci accompagnare da lei lungo i tornanti della nostra povera vita, in un digiuno che sia, soprattutto, di parole.

Santa Maria, donna senza retorica, prega per noi inguaribilmente malati di magniloquenza.

Abili nell'usare la parola per nascondere i pensieri piŁ che per rivelarli, abbiamo perso il gusto della semplicitł.

Convinti che per affermarsi nella vita bisogna saper parlare anche quando non si ha nulla da dire, siamo diventati prolissi e incontinenti.

Esperti nel tessere ragnatele di vocaboli sui crateri del "non senso", precipitiamo spesso nelle trappole nere dell'assurdo come mosche nel calamaio.

Incapaci di andare alla sostanza delle cose, ci siamo creati un'anima barocca che adopera i vocaboli come fossero stucchi, e aggiriamo i problemi con le volute delle nostre furbizie letterarie.

Santa Maria, donna senza retorica, prega per noi peccatori, sulle cui labbra la parola si sfarina in un turbine di suoni senza senso. Si sfalda in mille squame di accenti disperati. Si fa voce, ma senza farsi mai carne. Ci riempie la bocca, ma lascia vuoto il grembo. Ci dł l'illusione della comunione, ma non raggiunge neppure la dignitł del soliloquio. E anche dopo che ne abbiamo pronunciate tante, perfino con eleganza e a getto continuo, ci lascia nella pena di una indicibile ariditł: come i mascheroni di certe fontane che non danno piŁ acqua e sul cui volto Ć rimasta soltanto la contrazione del ghigno.

Santa Maria, donna senza retorica, la cui sovrumana grandezza Ć sospesa al rapidissimo fremito di un fiat, prega per noi peccatori, perennemente esposti, tra convalescenze e ricadute, all'intossicazione di parole.

Proteggi le nostre labbra da gonfiori inutili. Fa' che le nostre voci, ridotte all'essenziale, partano sempre dai recinti del mistero e rechino il profumo del silenzio.

Rendici come te, sacramento della trasparenza.

E aiutaci, finalmente, perchÄ nella brevitł di un "sô" detto a Dio ci sia dolce naufragare: come in un mare sterminato.


(fonte: Tonino Bello, "MARIA Donna dei nostri giorni" Ed. San Paolo)

 

 Sei interessato a ricevere la nostra newsletter  ma non sei iscritto ?

 
Iscriversi Ć facile e gratuito.  

               ISCRIZIONE ALLA NEWSLETTER

 riceverai la newsletter di "TEMPO  PERSO", ogni settimana, direttamente nella casella di posta elettronica.